Frodi alimentari

Venerdì
19 gennaio 2018
  
Iscriviti alla newsletter per ricevere le notizie e gli aggiornamenti di frodialimentari direttamente nella tua casella email

  

Cerca   
Dimensione testo
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Sequestri di cibo,due persone denunciate per reati nel settore alimentare PDF Stampa E-mail
Sabato 23 Dicembre 2017 19:34  |   Scritto da Redazione
Continua l’attenzione del Comando Carabinieri per la Tutela della Salute in tutti i settori del commercio alimentare.
 
Il NAS di Firenze, durante il controllo di un supermercato, ha rinvenuto 1.380 confezioni contenenti alimenti di origine animale, illegalmente importati sul territorio nazionale. La merce, dal valore di 2.500 euro, è stata debitamente repertata e posta sotto sequestro penale. Il proprietario dell’esercizio commerciale è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria.
 
I carabinieri del NAS di Pescara, in collaborazione con il personale della locale Capitaneria di Porto, hanno effettuato un’ispezione presso uno stabilimento adibito alla lavorazione e al deposito di prodotti ittici. Al termine dei controlli gli operatori hanno segnalato il responsabile dell’azienda alle autorità amministrative, in quanto la struttura era stata avviata senza chiedere alcuna autorizzazione. Durante gli accertamenti, inoltre, i Militari hanno rilevato gravi carenze, quali: mancanza di rintracciabilità dei prodotti ittici e omessa predisposizione delle procedure HACCP. A causa delle violazioni riscontrate l’intero stabilimento (valore un milione di euro) e tutta la merce che si trovava al suo interno (600 kg di pesce, valore 50.000 euro), sono stati sequestrati. 
 
Il NAS di Genova ha denunciato il proprietario di un ristorante etnico per aver utilizzato, nella preparazione delle pietanze, un olio per friggere in stato di alterazione. Durante il controllo dell’esercizio commerciale, infatti, i Carabinieri avevano effettuato il prelevamento di un campione di olio che, analizzato dall’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente Liguria (ARPAL),  ha rivelato di essere ormai esausto.
 
Il NAS ricorda che un prodotto che viene fritto in olio esausto assorbe una gran quantità di grasso. In questo modo, gli alimenti fritti risultano essere di qualità inferiore e possono inoltre contenere sostanze nocive per la salute.
 

Aggiungi commento

Nello scrivere il tuo commento, ti preghiamo di mantenere un atteggiamento civile ed educato e di rispettare le regole delle netiquette, evitando commenti provocatori, insulti, volgarità e spam.
Tutti i commenti che contravengono a queste regole verranno immediatamente rimossi.

Banner

Pubblicità

Pubblicità

Banner