Frodi alimentari

Venerdì
20 aprile 2018
  
Iscriviti alla newsletter per ricevere le notizie e gli aggiornamenti di frodialimentari direttamente nella tua casella email

  

Cerca   
Dimensione testo
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Carabinieri NAS: denunciate quattro persone, bloccata la commercializzazione di 15 tonnellate di molluschi bivalvi PDF Stampa E-mail
Venerdì 16 Marzo 2018 07:30  |   Scritto da Redazione
 Il NAS di Cagliari, a conclusione dell’indagine denominata "fipronil sequel", inerente alla contaminazione e commercializzazione di uova da consumo con disinfestante "fipronil", hanno segnalato quattro persone all’Autorità Giudiziaria. Gli indagati, rispettivamente un agente di commercio di prodotti agricoli, il titolare di un’agenzia postale privata e i due proprietari di altrettante aziende agricole site nella provincia di Cagliari, sono accusati di sostituzione di persona, adulterazione di alimenti, frode in commercio e vendita di sostanze non genuine come genuine. L’indagine dei Carabinieri è riuscita ad accertare che l’agente di commercio, con la compiacenza del titolare dell’agenzia postale, era solito acquistare il disinfettante proibito effettuando delle ricariche su una carta prepagata  e attribuendo l’operazione a persone ignare ed estranee alla vicenda. Il prodotto vietato, successivamente, veniva utilizzato dai due allevatori per ottimizzare la produzione dei propri allevamenti non valutando il rischio per la salute dei consumatori.
 
Il NAS di Catania, in collaborazione con il personale medico e tecnico del Dipartimento Veterinario dell’ASP Messina, ha effettuato un’ispezione igienico-sanitaria presso un centro di depurazione e imballaggio mitili della Sicilia orientale. A seguito dell’accertamento è stata bloccata la commercializzazione di 15 tonnellate di molluschi bivalvi (ostriche, vongole, cozze ecc.), in quanto rinvenute in un bacino naturale di acque “non classificate” per la conservazione e la depurazione, e pertanto giudicati non idonei al consumo umano. Nel contesto del medesimo controllo, inoltre, sono state elevate violazioni amministrative per mancata attuazione del piano di autocontrollo HACCP, e la mancata autorizzazione per la vendita al dettaglio di prodotti ittici surgelati preconfezionati. Il valore della merce sequestrata ammonta a 100.000 euro.
 

Aggiungi commento

Nello scrivere il tuo commento, ti preghiamo di mantenere un atteggiamento civile ed educato e di rispettare le regole delle netiquette, evitando commenti provocatori, insulti, volgarità e spam.
Tutti i commenti che contravengono a queste regole verranno immediatamente rimossi.

Banner

Pubblicità

Pubblicità

Banner