Frodi alimentari

Mercoledì
28 giugno 2017
  
Iscriviti alla newsletter per ricevere le notizie e gli aggiornamenti di frodialimentari direttamente nella tua casella email

  

Cerca   
Dimensione testo
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Editoriale ed Approfondimenti

I NOSTRI GIUDIZI SULLE VOSTRE TAVOLE  





 

A La Guardiense ... si gioca coi sensi 
 
 
Bevi vino, ché non sai donde sei venuto:
sii lieto, perché non sai dove anderai.
Omar Ḫayyām (1048 – 1131)
 
Una esperienza sensoriale molto interessante quella vissuta venerdì 13 durante l’evento organizzato dal La Guadiense, famosa e famigerata Cantina pluripremiata del  Sannio. Grazie alla suadente voce di  Marco Giuglioli ( enologo de la Gardiense ) i partecipanti hanno potuto vivere una esperienza senza eguali, dove i protagonisti erano i sensi ( o la mancanza di uno di essi) soprattutto  palato. Dove il file ruoge era il vino in tutte le sue sfumature.
Nell’occasione della Manifestazione "mi illumino di meno" a cui ha aderito la Cantina i partecipanti hanno vissuto un’esperienza che non dimenticheranno molto presto.
                                                      Come si è svolta la serata
Appena arrivati presso lo showroom siamo stati accolti con calore e simpatia dagli organizzatori, e già lì un serie di emozioni: l’atmosfera molto familiare e amicale, ci hanno fatto fare un giro per l’area e qui ci sono state fornite una serie di informazioni sulla cantina mostrandoci con orgoglio gli ultimi premi ricevu
ti ( i  3 bicchieri del Gambero rosso, 5 grappoli, super 3 stelle etc), fornendoci dettagli sulla storia, sugli associati, sul territorio e sulle proprie radici. Da ogni singola parola era possibile leggere l’orgoglio di appartenere a quella grande Famiglia.
Raggiunto il numero delle persone che dovevano essere protagonisti della degustazione ci hanno fatto sedere al grosso tavolo. L’atmosfera ovattata, a luci soffuse. Davanti ad ogni persona 3 bicchieri vuoti e un piccolo piattino con  caciocavallo, mozzarella e cioccolata.
Le regole erano semplici farsi trasportare dalle emozioni.
Quindi era necessario bendarsi, dopo  di chè ci è stato chiesto di farci trasportare degli altri sensi per capire di che tipo di vino. Molta ilarità ma anche silenzio religioso alle sollecitazioni di Marco.
Un vino che dovevi apprezzare per il gusto l’odore, la corposità senza farsi influenzare dal tipo dalla marca  etc.
Il nostro voto 



 

 

tribunapoliticaweb.it

Banner

Pubblicità

Pubblicità

Banner