Frodi alimentari

Venerdì
19 gennaio 2018
  
Iscriviti alla newsletter per ricevere le notizie e gli aggiornamenti di frodialimentari direttamente nella tua casella email

  

Cerca   
Dimensione testo
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Ultime notizie
NAS, controlli al settore alimentare PDF Stampa E-mail
Lunedì 27 Novembre 2017 17:47  |  Scritto da Redazione
Continua senza sosta la vigilanza dei Carabinieri dei NAS sul comparto alimentare, lungo tutta la filiera produttiva, dal campo alla tavola, per contrastare frodi e irregolarità.
 
I Carabinieri del Nas di Latina, nell’ambito di predisposti controlli sulla vendemmia 2017, in collaborazione con i locali Carabinieri Forestali e del Nucleo Ispettorato del Lavoro, hanno eseguito mirati controlli nel settore dell’impiego di agrofarmaci nella coltivazione delle viti, ispezionando un’azienda agricola della provincia dove hanno rinvenuto e sottoposto a sequestro amministrativo circa 40 Kg di prodotti fitosanitari di varie tipologie e formulazioni, privi di autorizzazione ministeriale e con etichetta non conforme a quella prevista dalla vigente normativa europea.
 
Dal vino all’olio. L’attenzione dei Carabinieri del NAS di Livorno si è concentrata, infatti, sugli oleifici. Nel corso di un’ispezione presso un frantoio della provincia di Pistoia i militari hanno accertato che il locale destinato all’imbottigliamento dell’olio d’oliva era in precarie condizioni igienico-sanitarie per la presenza diffusa di ragnatele alle pareti, di insetti ed escrementi di topi sul pavimento. Per tale ragione personale dell’Azienda sanitaria, intervenuto sul posto su richiesta degli ispettori NAS, hanno disposto la chiusura e la cessazione dell’attività di imbottigliamento fino al ripristino delle condizioni ideali indicate dalla normativa vigente.
 
I Carabinieri del NAS di Salerno hanno condotto un’ispezione igienico-sanitaria presso un macello della provincia, nel corso della quale hanno sequestrato 15 carcasse intere -  presumibilmente di bufali - per un peso complessivo di 250 Kg, il cui titolare non era in grado di fornire documentazione idonea a stabilirne la tracciabilità necessaria a garantire la sicurezza alimentare.
 
Il NAS di Milano, nell’ambito dell’attività ispettiva finalizzata al controllo della ristorazione etnica del capoluogo lombardo e dell’hinterland, ha accertato gravi carenze igienico-strutturali dei locali di un ristorante cinese. L’autorità sanitaria interessata dai militari ha confermato la gravità delle irregolarità riscontate, provvedendo all’emanazione di un provvedimento di immediata cessazione dell’attività.
 
A Padova, i Carabinieri del locale NAS hanno denunciato il titolare di un bar della provincia di Verona per frode in commercio, in quanto il furbo commerciante sostituiva il contenuto di decine di bottiglie di una nota bevanda alcolica utilizzata come aperitivo, con una affine più economica che veniva poi venduta e somministrata agli ignari clienti con l’etichetta della marca più pregiata

 
NAS Padova: sequestrati quasi 10.000 kg di pesce PDF Stampa E-mail
Sabato 25 Novembre 2017 14:13  |  Scritto da Redazione
Collaborazione proficua quella tra i Carabinieri del NAS di Padova e la Capitaneria di Porto di Chioggia (VE). I due comandi, infatti, hanno operato insieme nel sequestro di quasi 10.000 kg di pesce, custodito presso uno stabilimento della provincia di Rovigo ed importato dall’estero.
 
I prodotti ittici, congelati, appartenevano ad una ditta del vicentino, ed erano privi di etichetta in italiano. Ad aggravare la posizione dell’imprenditore proprietario del pesce, vi è stato il fatto che la sua azienda non avesse effettuato la prevista registrazione presso la ULSS 8 “Berica di Vicenza” quale impresa alimentare riconosciuta.
 
Sebbene la legislazione permetta la libera circolazione delle merci all’interno della Comunità Europea, il NAS ricorda che, al momento dell’ingresso nel territorio nazionale (nei porti, aeroporti e dogane interne), tutte le partite di merci di interesse sanitario, compresi quindi gli alimenti di origine animale destinati al consumo umano, che sono provenienti da Paesi extra-europei, vengono sottoposti a controllo igienico-sanitario a cura degli Uffici di Sanità Marittima e Aerea (USMAF) del Ministero della Salute.

 
NAS Livorno: sospese le attività di un frantoio PDF Stampa E-mail
Mercoledì 22 Novembre 2017 19:34  |  Scritto da Redazione
Al fine di tutelare al meglio la salute pubblica, i controlli dei Carabinieri del NAS vengono effettuati non solo sui prodotti finali, ma anche sulle materie prime che compongono gli alimenti. Per questo motivo, i militari del NAS di Livorno hanno ispezionato un frantoio situato nella provincia di Lucca. Gli accertamenti hanno rivelato che lo stabilimento versava in precarie condizioni igieniche, tali da richiedere l’intervento dell’Azienda USL Toscana Nord Ovest che, concordando con il parere dei Carabinieri, disponeva la sospensione immediata del frantoio sino ad eliminazione delle criticità riscontrate.
 
Il provvedimento di sospensione e/o chiusura delle attività alimentari è uno degli strumenti che il legislatore ha posto a disposizione delle autorità di controllo al fine di agevolare i controlli in campo alimentare. Il rilevamento di gravi carenze igienico-sanitarie rappresenta un rischio potenziale per la salute dei consumatori e fa automaticamente venir meno i requisiti di sicurezza che vengono richiesti ai titolari delle attività commerciali. Generalmente, con i termini “gravi carenze igienico-sanitarie”, si intende la mancanza di idoneità della struttura e/o delle attrezzature fondamentali per la lavorazione e la conservazione degli alimenti, idonea pulizia e manutenzione in generale.

 
Sequestrato pesce non idoneo al consumo PDF Stampa E-mail
Martedì 21 Novembre 2017 15:41  |  Scritto da Redazione
Sequestrato pesce non idoneo al consumo
 
​Nel corso di 3 interventi eseguiti in alcuni luoghi di vendita del pescato del Capoluogo, i militari della Stazione Navale della Guardia di Finanza di Palermo hanno proceduto al sequestro di 66 kg. di prodotti ittici privi di etichettatura e tracciabilità e di 10 esemplari di pesce spada novello della specie “Xiphias Gladius”, pari a circa 40 kg. di peso.
 
L’azione delle fiamme gialle, svolta in applicazione delle norme che disciplinano la materia, mira alla tutela dei consumatori verso il rischio di immissione in commercio di pescato di provenienza sconosciuta ed insicura, con il conseguente pericolo per la salute umana ed a salvaguardare il patrimonio ittico nazionale, considerato che la specie animale “Xiphias Gladius” è particolarmente protetta dalle norme e regolamenti sui piani di ricostituzione.
 
L’oggetto del sequestro, sottoposto a visita sanitaria da parte delle competenti autorità dell’A.S.P. di Palermo, è stato in parte giudicato idoneo al consumo alimentare umano e, pertanto, ceduto ad associazioni caritatevoli.
 
Inoltre, le violazioni hanno dato luogo a contestazioni amministrative per un totale di euro 13.000.

 
Richiamata Porchetta di Ariccia I.G.P.FA.LU.CIOLI IT1782L PDF Stampa E-mail
Martedì 21 Novembre 2017 15:37  |  Scritto da Redazione
Marchio: FA.LU.CIOLI IT1782L
 
Denominazione: Porchetta di Ariccia I.G.P.
 
Motivo della segnalazione: Rischio microbiologico
 
Data pubblicazione: 21 novembre 2017

 
Sequestrati prodotti dolciari privi di etichetta in lingua italiana PDF Stampa E-mail
Lunedì 20 Novembre 2017 19:30  |  Scritto da Redazione
Con l’approssimarsi delle festività natalizie i Carabinieri del NAS, seguendo le indicazioni dei consumi degli italiani, stanno aumentando i controlli nel settore dolciario.
 
Al riguardo, i militari del NAS di Napoli, a seguito di controlli aventi come obbiettivo un deposito all’ingrosso e un negozio di generi alimentari siti nel circondario partenopeo, hanno sequestrato circa 3.000 confezioni di prodotti dolciari, dal valore complessivo di 5.000 euro, perché la loro etichetta era priva di indicazioni in lingua italiana.
 
I Carabinieri del NAS ricordano che le etichette dei prodotti alimentari posti in commercio sul suolo nazionale devono essere anche in lingua italiana. Quest’obbligo, previsto dalla legge, serve non solo ad orientare correttamente le scelte dei consumatori, ma anche ad agevolare i controlli delle autorità.

 


<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Banner

Pubblicità

Pubblicità

Banner