Frodi alimentari

Venerdì
20 aprile 2018
  
Iscriviti alla newsletter per ricevere le notizie e gli aggiornamenti di frodialimentari direttamente nella tua casella email

  

Cerca   
Dimensione testo
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Primo piano
NAS_Uova al fipronil, aggiornamento al 23 agosto PDF Stampa E-mail
Giovedì 24 Agosto 2017 19:28  |  Scritto da Redazione
  Il Ministero della salute fornisce i dati aggiornati alle ore 12 del 23 agosto sui controlli effettuati in merito alla presenza di fipronil in uova, ovoprodotti e alimenti che li contengono. I numeri forniti sono comprensivi di quelli comunicati in precedenza nonché di quelli forniti dal Comando Carabinieri della Salute.
 
Risultano effettuati: 
 
196 campionamenti dalle Regioni, nell’ambito del Piano di ricerca su pollame, uova, derivati disposto dal Ministero il giorno 11 agosto
107 campioni dai NAS così ripartiti: 42 campionamenti conoscitivi di prodotti trasformati contenenti uova o derivati, prelevati nei negozi e supermercati su disposizione del Ministero del 14 agosto, e 65 ulteriori campionamenti effettuati su iniziativa dell’Arma
60 campionamenti dagli Uffici periferici del Ministero della salute per gli adempimenti comunitari (UVAC), per merci provenienti dai Paesi interessati dall’allerta  
Non risultano pervenuti allerta comunitari, oltre i 6 già segnalati in precedenza e gestiti. Si precisa che in tale ambito rientra il sequestro di omelette surgelate reso noto dalla Regione Lombardia lo scorso 21 agosto, a seguito di una comunicazione di questo Ministero.
 
Per quanto riguarda l'attività analitica, ad oggi gli Istituti zooprofilattici hanno completato le analisi su 124 dei campioni pervenuti.   
 
Sono state rilevate 8 positività (5 in uova presso dei centri di imballaggio, 2 relative ad ovoprodotti e 1 relativa a prodotti di trasformazione) con conseguente segnalazione alle Regioni e Asl competenti territorialmente per ulteriori accertamenti sulla provenienza nazionale o estera delle uova o dei prodotti contaminati, sulle fonti di contaminazione e per l'adozione, in esito ad essi, di eventuali provvedimenti restrittivi.
 
Relativamente ad alcuni campioni di uova riscontrati non conformi, è stato chiesto dalla Direzione competente della Sanità Animale e dei Farmaci Veterinari un intervento dei NAS presso gli allevamenti di provenienza delle uova contaminate, attraverso ispezioni delle strutture, verifica della presenza di sostanze o farmaci vietati, con particolare riguardo al fipronil, e prelievo di campioni su prodotti di origine animale, anim

 
Uova contaminate dal fipronil, primi esiti dei controlli dei NAS PDF Stampa E-mail
Mercoledì 23 Agosto 2017 17:20  |  Scritto da Redazione
Le attività di controllo svolte dai Carabinieri dei NAS, attualmente in piena fase esecutiva sul territorio nazionale, hanno fatto emergere due positività di uova contaminate per presenza della sostanza insetticida denominata fipronil che si aggiungono alle altre due comunicate dal Ministero della Salute.
Le prime verifiche sono iniziate nella prima metà di agosto, a seguito dell'attivazione del sistema di allerta europeo (RASFF) per la presenza, nel circuito commerciale di alcuni Paesi del Nord Europa, di uova e prodotti derivati, risultati contaminati dal citato insetticida, il cui uso è vietato negli allevamenti di animali impiegati per produzioni alimentari destinate al consumo umano.
Il Ministero della Salute, Autorità nazionale e punto di contatto italiano per la sicurezza alimentare, ha da subito predisposto un piano di verifiche articolato su più fasi.
Una prima azione ha riguardato il rintraccio di prodotti pericolosi o sospetti provenienti dall'estero, eseguita in coordinamento tra i Carabinieri dei NAS, gli Uffici di Sanità veterinaria in area doganale, gli UVAC (Uffici Veterinari per gli Adempimenti Comunitari), le Regioni e le ASL, al fine di intercettare e bloccare le merci sospette prima della loro distribuzione.
Una seconda fase sta interessando un monitoraggio sull'intera filiera del comparto degli ovoprodotti, dagli allevamenti di galline ovaiole e centri di imballaggio delle uova, fino ai prodotti finiti presenti in vendita nei supermercati, passando per gli ovoprodotti e i semilavorati utilizzati nel settore alimentare, includendo anche la carne di pollo. 
I Carabinieri dei NAS hanno partecipato attivamente a tutto il sistema integrato di controllo nazionale, sia nel rintraccio dei flussi commerciali di prodotti esteri a base di uova, indicati come contaminati (sequestrando ovoprodotti liquidi o in polvere nonchè preparati per omelette e dolci destinati principalmente alla ristorazione etnica), sia nelle fasi di campionamento di prodotti nazionali disposto dal Ministero della Salute. In tale ambito, i NAS hanno eseguito, congiuntamente alle ASL ed anche in autonomia, 253 accessi ispettivi presso allevamenti, centri di distribuzione e lavorazione delle uova, industrie e laboratori di produzione di prodotti dolciari, salse e paste all'uovo, sequestrando cautelativamente oltre 91.000 kg di uova e ovoprodotti (di cui 106 Kg penalmente), in attesa dei responsi analitici dei 107 campioni conoscitivi inviati ai laboratori degli Istituti Zooprofilattici di Teramo e Roma, di cui si è in attesa degli esiti. 
Con riferimento ai campioni effettuati dai NAS, i suddetti laboratori, al momento, hanno rilevato due positività al fipronil riconducibili, una in uova prodotte in Provincia di Viterbo, e una in pasta all'uovo prodotta in Provincia di Macerata.
Sono già stati operati immediati accessi presso le strutture interessate e i relativi capannoni adibiti ad area di conduzione delle galline ovaiole al fine di bloccare i lotti contaminati, ricostruirne la filiera di distribuzione e disporre immediate misure restrittive nella gestione aziendale.
Inoltre, sono in atto, su disposizione della Direzione Generale della Sanità Animale e dei Farmaci Veterinari del Ministero della Salute, ulteriori ispezioni mirate, eseguite insieme alle autorità sanitarie regionali, atte a verificare presso allevamenti la possibile detenzione illecita di farmaci o sostanze non autorizzate indebitamente utilizzate e procedere al campionamento di matrici ambientali (uova in guscio, pelle e grasso, mangimi e acque di abbeveraggio).
Nelle verifiche svolte nelle ultime ore conseguenti alla positività accertata dai  NAS di Viterbo e Ancona, gli interventi hanno consentito di sequestrare complessivamente 60.000 uova per consumo umano, 32.200 uova destinate all'alimentazione zootecnica, tre capannoni per allevamento con 26.000 galline ovaiole ed un centro di imballaggio uova.

 
Omelette al fipromil sequestrate dai Nas a Milano PDF Stampa E-mail
Lunedì 21 Agosto 2017 21:03  |  Scritto da Redazione
Sono state sequestrate a Milano le prme partite di alimenti  che hanno come ingredienti 
contaminati "con uova al Fipronil". Si tratta di 127 confezioni di  omelette surgelate   che riportano la data di scadenza al 16 febbraio 2018, di cui, dal 29 giugno scorso, 117 sono già state distribuite al consumatore finale"

 
Uova contaminate da Fipronil PDF Stampa E-mail
Martedì 15 Agosto 2017 16:03  |  Scritto da Redazione
Si fa seguito alla comunicazione diramata dalla Commissione europea circa il coinvolgimento dell'Italia nella distribuzione delle uova o da derivati (ovoprodotti) contaminate da fipronil.
 
Dai riscontri incrociati, effettuati dal Ministero della Salute, tra le liste di aziende coinvolte e di quelle che hanno spedito prodotti in Italia negli ultimi tre mesi, al momento risulta solo, da una segnalazione delle autorità francesi, pervenuta in data 8 agosto attraverso il RASFF, che un'azienda di tale Paese ha acquistato uova da uno degli allevamenti olandesi interessati e le ha trasformate in ovoprodotti che ha poi venduto anche presso un'azienda italiana.
 
Su disposizione del Ministero, le autorità sanitarie locali hanno provveduto a porre sotto sequestro la partita, e quindi il prodotto non è stato posto in commercio. Pertanto, ad oggi, non risultano distribuiti al consumo uova o derivati (ovoprodotti) contaminate da fipronil sul territorio nazionale.
 
Il Ministero della salute, in ogni caso, continua a valutare con attenzione le informazioni relative alla circolazione dei lotti in Europa (anche in considerazione delle nuove segnalazioni sul sistema di allerta comunitario che provengono da Paesi prima non coinvolti), avvalendosi della stretta collaborazione delle autorità sanitarie regionali e dei Carabinieri Nas.
 
È stato altresì predisposto un piano di campionamenti su uova, ovoprodotti e carni di pollame per la ricerca di fipronil che verrà attuato in via cautelativa, anche in assenza di segnalazioni specifiche.
 
 

 
Ferragosto, gite fuori porta: come viverle in tranquillità e sicurezza PDF Stampa E-mail
Lunedì 14 Agosto 2017 08:38  |  Scritto da Redazione
In questi giorni non può mancare almeno la gita fuori porta.e' dagli anni 60 in poi che in Italia migliaia di italiano sis postano per potersi godere un attimo di riposo e tranquillità.
Per evitare problemi legati a quanto si mangia so o stati elaborati alcuni semplici consigli

 
Incendi Boschivi, consigli su come comportarsi PDF Stampa E-mail
Venerdì 04 Agosto 2017 19:48  |  Scritto da Redazione
 Il grande caldo non  si arresta e tra i diversi problemi che sta causando è quello degli incendi boschivi.
L’Europa, e non solo l’Italia sono flagellate da questi gravi fatti. In molti casi le attività sono di origine dolose. È ancora nella mente di tutti i gravi casi che hanno caratterizzato il Vesuvio, oltre i roghi in Sardegna, Sicilia e Puglia.
Sono finora quasi 75.000  gli ettari di aree boschive che sono andate in fiamme. La Campania è al terzo posto con   13.037ettari, preceduta dalla Sicilia con 25.071 ettari e Calabria con 19.224 ettari.
Un trend in crescita quello dei roghi dolosi, già nel 2016, secondo il nostro rapporto Ecomafia, erano  raddoppiati rispetto al 2015: 4.635 incendi (con dolo o colpa accertati) contro i 2.250 del 2015, destinato, visti gli ultimi casi a crescere in modo esponenziale 
In Campania ben il 33% delle aree boschive sono andate a rogo.
Con Decreto Dirigenziale n. 33 del 04/07/2017 la Regione Campania, così come molte altre regioni,  ha pubblicato la  DICHIARAZIONE DELLO STATO DI GRAVE PERICOLOSITA' PER GLI INCENDI BOSCHIVI ANNO 2017.
La testata giornalistica www.frodialimentari.it, in collaborazione con l’associazione culturale Cultura facile ha elaborato alcuni consigli su come comportarsi per evitare roghi o sul come comportarsi in caso di incendio 


















 


<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Banner

Pubblicità

Pubblicità

Banner