Frodi alimentari

domenica
21 gennaio 2018
  
Iscriviti alla newsletter per ricevere le notizie e gli aggiornamenti di frodialimentari direttamente nella tua casella email

  

Cerca   
Dimensione testo
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Frodi
Operazione “Sapori d’autunno” PDF Stampa E-mail
Martedì 29 Novembre 2016 17:04  |  Scritto da Redazione
Importanti sequestri a portato l'operazione Sapori D'Autunno ad opera degli uomini dei Nas
Solo a Bologna, Ferrara, Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini ha posto sotto controllo 30 aziende , in  ben 9 casi sono state riscontrate delle irregolarità.
 
molteplici le tipologie di prodotti sequestrati, tra questi quasi tutti tipici di questa stagione dell’anno,: carni di maiale e manzo, selvaggina varia e salumi, ma anche formaggi, funghi e tartufi. Il valore complessivo è di circa 300mila euro.
 
In  n provincia di Ravenna, sono stati sequestrati circa 150 kg di tartufi, privi di tracciabilità o scaduti anche da anni, oltre che due tonnellate di spezie, vari salumi e carni. Per lo stesso motivo, sono stati sequestrati in cinque aziende tra il Bolognese e il Forlivese 300 kg di selvaggina, 300 kg di porcini congelati e tartufi sottolio e 800 kg di confetture, oltre a 3mila confezioni di ragù e sughi a base di selvaggina, in cui sono state rilevate quantità di piombo oltre i limiti.
 
Le multe ammontano a 25mila euro.
 
Albano T., sanzioni da 9 mila euro per creanze igniencihe PDF Stampa E-mail
Domenica 27 Novembre 2016 17:09  |  Scritto da Redazione
Ad Albano Terme un noto ristorante cinese è stato multato per carenza igieniche. in quanto i Nas hanno riscontrato innumerevoli irregolarità. Dopo alcune segnalazioni, da parte dei clienti ( nel mezzo della cena, sarebbe apparso un topo), che passeggiava tranquillo tra i tavoli.
Al locale sono stata elevate sanzioni amministrateve oltre a 9 mila euro di multa
 
Controlli nel settore vitivinicolo in provincia di Benevento PDF Stampa E-mail
Lunedì 21 Novembre 2016 20:33  |  Scritto da Redazione
Sanzioni per oltre ventimila euro
Il Corpo Forestale dello Stato del Comando Provinciale di Benevento, congiuntamente al Dipartimento dell'Ispettorato Centrale della Tutela della Qualità e Repressione Frodi dei Prodotti Agroalimentari - Ufficio di Napoli - , durante il periodo della raccolta delle uve da vino ha svolto un'intensa attività di controllo rivolta alla repressione delle frodi nel settore vitivinicolo. Nello specifico sono state eseguite verifiche su strada, al fine di esaminare il corretto espletamento degli oneri legati al trasporto di quelle uve destinate alla produzione di vini DOP e IGP nella provincia di Benevento e/o provenienti da altre aree a vocazione vitivinicola. I numerosi controlli effettuati lungo le arterie della provincia sono stati inquadrati nelle azioni svolte dall'Amministrazione per verificare, relativamente ai prodotti vitivinicoli la qualità e le quantità in movimento, e tutelare gli interessi locali legati alla produzione di uva di alto pregio. Gli accertamenti hanno interessato decine di automezzi che trasportavano uve da vino, provenienti dalla provincia di Benevento e dalla regione Puglia. Dalle verifiche effettuate e corrrelando la documentazione esibita con il prodotto oggetto di trasporto, sono state riscontrate diverse irregolarità ed a seguito di ciò sono state emesse 46 sanzioni amministrative, per un importo totale di oltre ventimila euro. Inoltre, sono state comminate sanzioni per violazione al Codice della strada.
 
Pezzi di vetro nelle "Fettine di quorn alla mozzarella e al pesto": Migros le ritira. PDF Stampa E-mail
Venerdì 18 Novembre 2016 17:31  |  Scritto da Redazione
Quelle «Fettine di quorn alla mozzarella e al pesto» non vanno consumate ma riconsegnate ai supermercati perché potrebbero contenere frammenti di vetro proprio dentro la mozzarella: è il richiamo emesso in queste ore dalla catena di grande distribuzione MIGROS, una delle aziende più grandi della Svizzera e la maggiore catena di grande distribuzione del Paese. Non si può escludere che nel prodotto, siano finite delle schegge di vetro. Il prodotto in questione è identificato dalla sigla numerica “art. n. 1309.038” con una data di consumo indicata tra il 4.11.2016 e il 30.11.2016. La notizia che sta girando su internet e via mail come un tam tam è stata confermata dall’Ufficio stampa e comunicazione di MIGROS. Le Relazioni esterne hanno precisato che non si tratta di uno scherzo o di una bufala come purtroppo accade a volte con gesti che gettano nel panico i consumatori ma di un richiamo vero diramato su tutto il territorio italo-svizzero e che riguarda solo i punti vendita della Svizzera. Il servizio comunicazione non ha precisato quante confezioni e se alcuni di queste siano già state riportate indietro dai clienti di MIGROS ma ha precisato che l’avviso è visibile in tutti gli store della catena mediante appositi cartelli di richiamo prodotti. Si tratta di procedure che scattano, fanno sapere da MIGROS, nel caso in cui lo stesso produttore avverta la catena di una anomalia oppure per segnalazione dei clienti che avvisano il servizio riservato a chi compra nel supermercato. Gli articoli possono essere restituiti in qualsiasi filiale Migros, ottenendo il rimborso del prezzo di acquisto. Nuovi guai per le multinazionali dell’alimentare, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, associazione ormai punto di riferimento per la sicurezza alimentare. Il problema dei corpi estranei che finiscono accidentalmente negli alimenti è una questione che interessa un pò tutte le aziende del settore. Le conseguenze in genere sono minime. Nei casi più gravi, fortunatamente rari, si tratta di lesioni alla bocca o danni ai denti: il nostro apparato digerente è attrezzato per proteggersi da questo tipo di incidenti e in letteratura scientifica non ci sono casi di danni all’apparato digerente dovute all’ingestione accidentale di frammenti di vetro.
 
 
 
Sequestri dei NAS di Pescara nei centri di cottura mense scolastiche PDF Stampa E-mail
Martedì 08 Novembre 2016 21:52  |  Scritto da Redazione
I Nas di Pescara durante i controlli  nei due centri cottura centralizzati  al servizio delle mense scolastiche del capoluogo adriatico hanno sequestrato generi alimenntari non conformi, inoltre hanno acquisito  copia dei contratti per verificare se vi sia aderenza tra i documenti di gara e il cibo effettivamente somministrato. 
L'operazione è stata svolta in collaborazione con il personale del Comune di Pescara 
 
Sequestro macelleria abisiva PDF Stampa E-mail
Lunedì 31 Ottobre 2016 14:08  |  Scritto da Redazione
 I NAS  si Napoli hanno scoperto in un garage di a Santa Maria la Carità, in provincia di Napoli, una macelleria abusiva
Durante i controlli sono stati sequestrati circa 1000 kg gi carne elevando una sanzione pecuniaria di 11.500 euro 
 


<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Banner

Pubblicità

Pubblicità

Banner