Capitaneria di Porto: sequestro di pesce contraffatto

I militari della Capitaneria di Porto di Genova hanno posto sotto sequestro del pescato commercializzato la cui provenienza non era certa . Inoltre sono sato sequesrate: Molva fatto passare per baccala’, orate e branzini ingrassati in impianti di itticoltura e venduti come prodotto pescato in mare, lanzardi al prezzo degli sgombri. I militari hanno anche sequestrato in un ipermercato di Milano 220 kg di polpi e seppie del Pacifico e dell’Atlantico spacciati come mediterranei. Nei giorni scorsi, in un mercato di Varese hanno sequestrato alcune aragoste con le uova sotto l’addome, poi rimesse in mare con la collaborazione dei veterinari dell’Acquario di Genova.

Sequestro di colombe

 I militari dei Nas hanno posto sotto sequestro 250 Kg di colombe, in quanto commercilaizzate come artigianali, cosa non vera,    era contraffatta la etichetta. Il  titolare del negozio dove sono state sequestrate i dolci pasquali acquistava i prodotti nella grande distribuzione per poi   riconfeziarle poi a mano con la propria etichetta e incarto. il titolare è stato accusato d  frode in commercio come da articolo 515 del codice penale,  

Sequestro di Prosciutti da parte dei Nas per 2,5 milioni di euro

 I Carabinieri del Nas di Parma  hanno sequestrato  in un prosciuttificio di Modena di oltre 90 mila prosciutti crudi, di provenienza estera, e privi della bollatura sanitaria prevista dalla normativa comunitaria che ne avrebbe consentito la rintracciabilità. La merce sequestrata ha un valore pari a    2,5 milioni di euro. Secondo dati della Coldiretti tre prosciutti su quattro venduti in Italia che sono in realta’ ottenuti da maiali allevati all’estero  

Cremona: al via il processo contro una società che contraffaceva formaggi avariati

 Al via il processo realtivo ad una indagine avviata   nel novembre del 2006 che  vede quattro imputati accusati di adulterazione e contraffazione di formaggi pericolosi per la salute dell’uomo e tre veterinari dell’Asl accusati di abuso di ufficio per aver preannunciato ispezioni e controlli. Sede del processo Cremona, durante il dibattimento degli ex dipendenti hanno confermato che – "Si lavoravano formaggi gia’ scaduti o che stavano per scadere, formaggi con muffe, o, se faceva troppo caldo, con i vermi" “C’era un odore orrendo", hanno raccontato i testi. "Quasi tutta la merce utilizzata era scaduta o avariata".. "Dei formaggi avariati ne avevamo parlato con il nostro capo reparto", hanno detto […]

Cioccolata scaduta a Poggiomarino

 Cioccolata  scaduta da due anni ma con data contraffatta, e rietichettata inserendo una scadenza. E’ quanto hanno trovato gli uomini dei NAS a Poggiomarino nel Napoletano, la cioccolata  trovata era scaduta almeno da    due anni. La data in base a quanto poteva essere consumata    era stata alterata con la cancellazione dei dati originali e la indicazione di una nuova scadenza grazie a un sistema di timbri e un datario a inchiostro. La merce era rivolta ad un mercato doppio: da un lato i market gestiti da extracomunitari (e rivolti per lo più solo alla clientela straniera) e dall’altro lato i negozi degli italiani, in prevalenza discount. 

La tutela dei marchi di qualità: le attività dei NAC

 La lotta all’“agropirateria” costituisce obiettivo prioritario per il Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari anche in relazione alla normativa europea e nazionale che sul piano del commercio internazionale rappresenta il sistema complessivamente più avanzato ed articolato di tutela della qualità dei prodotti alimentari. L’Italia con il primato di ben 239 registrazioni di marchi DOP, IGP e STG ha  un grande interesse strategico a garantire la qualità e la genuinità dei sui prodotti agroalimentari e non può tollerare che il valore aggiunto rappresentato dalla produzione di qualità venga compromessa,  anche sul solo piano dell’immagine,  dalla contraffazione o dalla inosservanza dei disciplinari di produzione.   E’ per tali ragioni che l’azione di tutela […]

Sequestro di prodotti da parte della guardia di finanza nelle Marche

I militari della  Guardia di Finanza a Macerata e Civitanova Marche hanno posto sotto sequestro7000 prodotti contraffatti e 250 chilogrammi di alimentari scaduti La merce era custodita in un magazzino commerciale cinese, nel quale si trovavano anche prodotti di bigiotteria al nichel e apparecchi laser non in regola e comunque vietati in Italia, oltre a dispositivi medici tra cui termometri e occhiali. Il titolare dell’esercizio è stato denunciato.  

Gdf sequestro di funghi secchi nel Napoletano

 IL Corpo Forestale dello Stato di Napoli ha sequestrato   funghi secchi di origine serba commercializzati come made in italy.  Da ulteriori accertamenti, si è appurato che la distribuzione di tali partite di merci aventi marchio contraffatto avveniva su tutto il territorio regionale, in particolare nelle province di Napoli e di Salerno ed essa aveva base di partenza presso Società avente sede in Cardito (NA). Si è configurato pertanto il reato di contraffazione del marchio e truffa in commercio con metodi ingannevoli a danno dei consumatori. 

Canton Ticino contrabbando di merci alimentari

La sezione antifrode della Direzione delle dogane di Lugano ha sgominato un traffico di alimenti contrabbandati  poer  un totale di 56 tonnellate. Il tutto per un   un totale di 400’000 franchi. Ha infatto comuncato che nel perioodo  2007 ed il 2010 quattro persone hanno organizzato il contrabbando di 31 tonnellate di salumeria, 25 tonnellate di olio e 190 litri di bevande alcoliche passando per il valichi ticinesi. La merce era destinata prevalentemente a negozi e ristoranti della svizzera-tedesca. In totale erano oltre 70 gli esercizi che facevano capo a questa organizzazione.