60 CHEF E TANTE ECCELLENZE PER RACCONTARE L’ITALIA DELLA QUALITA’

DALLE STRADE DELLA MOZZARELLA UN SEGNALE FORTE: FARE SQUADRA PER VALORIZZARE UN PATRIMONIO UNICO AL  MONDO  Restare uniti, facendo rete e condividendo l’impegno per la valorizzazione dello straordinario patrimonio di tipicità che possiede l’Italia: è la direzione indicata dai protagonisti dell’edizione 2013 delle “Strade della Mozzarella”, che si conclude oggi a Paestum, per superare la crisi del Paese e spianare la strada al nuovo Risorgimento che sta vivendo la cucina italiana. Un movimento quasi spontaneo dove le rivalità e i campanili di un tempo hanno lasciato il posto a un forte desiderio di fare squadra per raggiungere risultati sempre più importanti.   Così, nello scenario della tenuta “Le Trabe”, grandi […]

Torino i Nas sequestrano cibo in un ristorante etnico

I militari dei Nas hanno sequestrato in un ristorante etcnico, degli alimenti non conservati correttamente, inoltre sono state riscontrate numerose carenze igieniche sanitarie. Sequestrati alimenti mal conservati in un ristorante giapponese a Torino „ E' stata una tonnellata e mezza di prodotti ittici come gamberi, pesce spada, polpo e alimenti vari come pasta ripiena, carne rossa e pollame. La merce sequestrata ha un valore di circa 12 mila euro. I titolari del ristorante giapponesi sono stati denunciati per tentata frode in commercio e detenzione di alimenti in cattivo stato di conservazione e sanzionati. “ Potrebbe interessarti:http://www.torinotoday.it/cronaca/sequestrati-alimenti-mal-conservati-ristorante-giapponese.html Seguici su Facebook:http://www.facebook.com/TorinoToday

Settimana della Legalità

Conclusa agli Oleifici Mataluni la Settimana della Legalità con il procuratore della Corte dei Conti Capalbo   Si è appena conclusa, presso l’Auditorium degli Oleifici Mataluni di Montesarchio (BN), la III edizione della Settimana della Legalità, con la presentazione del libro “Il festival a casa del boss” del giornalista Pietro Nardiello, autore della trasmissione di Radio Tre “Parole Fuori dal Vulcano”, collaboratore di Articolo 21 e della redazione napoletana di Repubblica. Il volume rivela le motivazioni che hanno portato alla creazione del “Festival dell’Impegno Civile”, l’unica rassegna italiana di teatro, musica, letteratura e legalità interamente realizzata nei beni confiscati alla criminalità organizzata.  All’incontro, organizzato da Sanniopress Onlus e dedicato quest’anno […]

In scena il racconto del festival realizzato nei beni confiscati alla camorra,

Domani 4 maggio, alle ore 11 presso l’Auditorium degli Oleifici Mataluni a Montesarchio (BN), si terrà la presentazione del libro “Il festival a casa del boss” del giornalista Pietro Nardiello. Si tratta dell’appuntamento conclusivo della “Settimana della legalità” (www.settimanadellalegalita.it), la rassegna organizzata da Sanniopress Onlus dedicata quest’anno a “La forza delle parole”. All’incontro, che coinvolgerà gli studenti dell’Istituto d’Istruzione Superiore “Enrico Fermi”, interverranno: l’autore del libro, Pietro Nardiello; il Sostituto Procuratore della sezione giurisdizionale della Corte dei Conti per la Campania, Ferruccio Capalbo; il giornalista de “il Fatto Quotidiano”, Vincenzo Iurillo; l’Amministratore Delegato degli Oleifici Mataluni, Vincenzo Mataluni; il musicista Ignazio Scassillo; il mezzo soprano Imma Russo e gli attori […]

Cina: carne di topo venduta al posto di quella di montone e pecora

Ultina notizia di contraffazione e illeciti alimentari arriva dal Sol Levante. Negli ultimi giorni, la polizia cinese ha sgominato una banda che commercializzava carne di Topo e Volpe al posto di quella di Montone e pecora. La notizia è stata diffusa dal ministero della Pubblica Sicurezza di Pechino. La nota afferma  che nell'operazione    sono state arrestate 63 persone che avrebbero ricavato più di un milione di euro dalla loro attività di contraffazione. L'area geografica in cui operava la banda era nella  provincia del Jiangsi- Shanghai  

Pesce spada sequestrato nel salernitano

Al mercato ittico di Salerno  sono stati sequestrati, dalla capitaneria di porto, oltre tre quintali di pesce spada. Il motivo del sequestro è da rinvenire nella  scoperta  da parte della capitaneria di porto delle scorrezza documentazione relativa alla fatturazione da parte di una azienda napoletana  della partita di pesce in oggetto. I responsabili sono stati multati e deferiti. I prodotti sequestrati buoni e salubri sono stati dati ad enti caritatevoli 

Nas sequestro ad Angri di azienda conserviera

Continuano le attività di controllo da parte delle forze di polizia, per ridurre i casi di illeciti nel settore agroalimentare italiano  I Nas di Napoli hanno sequestrato ad  Angri (Sa) un azienda conserviera di prodotti vegetali e sott'olio. del tutto abusiva.I militari hanno posto sotto sequestrato oltre 500 chili di conserve vegetali sottolio e sottoaceto. Dall'operazione si è evidenziato come la maggior parte delle 'attivita' di stoccaggio, cottura e deposito delle materie prime  veniva svolta all'esterno della struttura- Infatti i militari hanno trovato tutto  sotto una tettoia che  secondo le indagini  non assicurava protezione degli alimenti dalle intemperie e da animali infestanti

L’IRVOS esporta il “Born in Sicily” in Brasile.

Il 7 e l’8 maggio, presso il Melia Jardim Europa Hotel di San Paolo, una delegazione di ventuno aziende siciliane, guidate dall’Istituto Regionale Vini e Oli di Sicilia con la collaborazione di Michéle Shah, approderà nel più grande paese del Sudamerica. Due giornate articolate in seminari, degustazioni e walk around tasting per promuovere il vino "Born in Sicily".   Palermo, 2 Maggio 2013 – Sarà il Brasile la prossima tappa del programma di internazionalizzazione promosso dall’Istituto Regionale Vini e Oli di Sicilia: un progetto ideato per promuovere, nel mondo, le eccellenze vitivinicole del  “Born in Sicily”. Dopo l’India, la Scandinavia e Hong Kong, le cantine siciliane volano oltreoceano per approdare a San […]

Nas sequestrano burro a Parma

I militari dei  NAS di Parma hanno scoperto all'interno di una cella frigorifera oltre mezza tonnellata di burro priva della necessaria documentazione ai fini della rintracciabilità. Il prodotto è stato posto sotto  sequestrato e sarà nei prossimi giorni distrutto