I consigli anti spreco del Nucleo Politiche agricole

   LO SPRECO DI CIBO NEI VARI SETTORI DELLA FILIERA AGROALIMENTARE EUROPEA
Secondo il rapporto della FAO lo sperpero annuale di cibo ammonta a 1,3 MILIARDI DI TONNELLATE (che corrisponde ad un terzo del cibo prodotto in tutto il mondo);  i costi economici sono quantificati in 750 miliardi di dollari. Si calcola che ogni anno il cibo prodotto ma non consumato sperpera un volume d’acqua pari alla portata del fiume Volga, consuma 1,4 miliardi di terreno (il 30% circa della superficie agricola mondiale) ed immette in atmosfera 3,3 miliardi di tonnellate di gas “effetto serra”. 
Si pensa in genere che le principali perdite avvengano sulla distribuzione e nella ristorazione. In realtà ben il 42% dello spreco alimentare è attribuito ai consumatori e alle famiglie.                                                                                                                               
                        
  I      CONSIGLI ANTISPRECO DEI NAC 
 
 PROGRAMMA LA TUA SPESA: predisponi una lista delle cose da
 comprare, considerando prima gli alimenti che hai in frigo e in dispensa.
RICORDA CHE IN ETICHETTA puoi rilevare in alcuni casi: 
    il termine minimo di conservazione  ( “da consumarsi preferibilmente entro” ):   è  la  data       oltre   la  quale  si  perdono  alcune   proprietà  organolettiche, ma il prodotto può essere consumato;       
    la scadenza: è la data oltre la quale il prodotto non va consumato perché pericoloso per la salute.
 
PRIVILEGIA FRUTTA E VERDURA DI STAGIONE: avrai garanzia di freschezza del prodotto ed eviterai che gli esuberi vadano al macero. 
CONGELA / RIUTILIZZA / DONA:  se in eccesso, pane, cibi appena cotti, prodotti freschi possono essere congelati per essere consumati quando necessario. Riutilizza gli avanzi quando possibile. Rivolgiti alle ONLUS e alle Organizzazioni Religiose riconosciute, per donare il cibo in esubero che potrà essere destinato ai più indigenti.   
ATTENZIONE ALLE QUANTITÀ IN ECCESSO: è una regola di educazione alimentare e aiuta ad evitare lo spreco.