NAS Reggio Calabria: deferiti due commercianti in stato di libertà

Il NAS di Reggio Calabria ha deferito due persone all’Autorità Giudiziaria. Gli indagati sono i proprietari di due macellerie reggine e sono accusati di aver preparato e commercializzato prodotti carnei contenenti addittivi irregolari.
La legislazione europea, infatti, proibisce l’uso di determinati ingredienti che, sebbene non costituiscano un pericolo diretto per la salute, tendono a trarre in inganno il consumatore, mantenendo a lungo il colore originario di determinati prodotti e ingannando, quindi, sulla loro reale freschezza.